Guida agli archivi della Fondazione Gramsci

Archivio Antonio Gramsci >

Antonio Gramsci

  • Carte personali   1891 - 1937
    vai alla scheda Documenti di diversa tipologia, relativi ad un arco cronologico abbastanza ampio che va dagli anni del liceo al trasferimento a Mosca, fino all'arresto e agli anni del carcere. Sono contenuti: temi scolastici, disegni, appunti fra cui gli «Appunti di glottologia» e quelli per la preparazione di dispense per la scuola
    di partito; è inoltre presente il manoscritto sulla quistione meridionale, il testo a cui G. lavorava nei giorni precedenti all'arresto. Fra le carte del periodo carcerario, sono conservate le copie della sentenza del Tribunale speciale, le minute delle istanze rivolte alla direzione del carcere. Corposa è la documentazione relativa alle vicende giudiziarie e alle cure mediche: referti di analisi e visite, distinte di ricevute di pagamento, convenzioni con le cliniche; relative al periodo di Formia sono le dichiarazioni autografe di G. per il prelevamento di denaro proprio sotto custodia dei carabinieri. Sono state inserite in questa serie anche alcune fotografie di Delio, Giuliano, Giulia e Tatiana recanti i timbri carcerari.

    chiudi

  • Epistolario   1906 - 1937
    vai alla scheda Nella serie «Epistolario», sicuramente la più corposa dell'intero fondo, è confluita la corrispondenza invita e ricevuta da G. posseduta sia in originale, sia in copia digitale che in fotocopia. Sono conservate: cartoline illustrate e postali, telegrammi, lettere, biglietti e buste dal gennaio 1906 al gennaio 1937, più alcuni documenti per
    i quali non è stato possibile risalire ad una datazione certa. Si tratta principalmente di corrispondenza con i familiari fino al 1910, per il 1911 sono anche presenti lettere dei compagni di scuola e la comunicazione dell'ammissione di G. alle prove di esame per la borsa di studio presso il Regio Collegio Carlo Alberto di Torino. Tra il 1912 e il 1914 oltre alle lettere con i familiari si segnala la corrispondenza con compagi di studi tra cui Angelo Tasca e Cesare Berger e per il 1918 - 1920 le lettere inviate a Giuseppe Lombardo Radice e Giacinto Menotti Serrati. Gli anni tra il 1922 e il 1925 contengono la corrispondenza di G prima a Mosca quale membro della delegazione italiana al Comintern e poi a Vienna: tra queste sono presenti lettere di e a Amadeo Bordiga, Mauro Scoccimarro, Umberto Terracini, Palmiro Togliatti, Ruggero Grieco, Camilla Ravera, Karl Radek, Giuseppe Amoretti, Felice Platone, Mario Montagnana, Ugo Arcuno, Ersilio Ambrogi e Gregorji Zinov'ev. Per il 1925 si segnala inoltre corrispondenza con Piero Sraffa e Zino Zini e dal 1922 quella con le sorelle Eugenia e Giulia Schucht. Per il 1926 si sengala la corrispondenza con Emilio Lussu e Palmiro Togliatti; in particolare è conservata la lettera dell'ottobre 1926, scritta da G. a nome dell'Ufficio politico del Pcd'I al Cc del Vkp(b) e le lettere inviate seguito all'arresto indirizzate a Clara Passarge, Tatiana Schucht, Giulia Schucht, Giuseppina Marcias e Piero Sraffa. Per il biennio 1927-1928, durante la detenzione di G. a Ustica, Milano e Roma si sengalano fra i corrispondenti, oltre a Tatiana e Giulia Schucht e i familiari a Ghilarza, alcuni compagni di partito, sia confinati che fuoriusciti fra i quali: Giuseppe Berti, Augusto Prioglio, Giuseppe Massarenti, Piero Ventura, Mario Lauriti, Ruggero Grieco, Romano Cocchi, Amadeo Bordiga, Aladino Bibolotti e famiglia, Fabrizio Maffi, Enrico Tulli e il giornalista Carlo Silvestri. A partire dal 1929 la corrispondenza è con Tatiana e Giulia Schucht, i figli e i familiari in Sardegna. La serie è divisa in 28 sottoserie annuali (lacunoso per il 1907, 1915, 1917 e 1921). Tutti i documenti sono stati schedati singolarmente.

    chiudi

  • Quaderni del carcere   [1929 - 1935]
    vai alla scheda I quaderni vennero redatti da Gramsci fra il febbraio 1929 e la metà del 1935. Il 19 marzo 1927 annuncia in una lettera alla cognata Tatiana Schucht i primo programma di studio. Il 27 marzo 1927 Gramsci rivolge un' istanza al giudice istruttore di Milano per poter avere permanentemente carta
    e penna, ma l'autorizzazione gli viene negata. Dopo il processo, la condanna da parte del Tribunale speciale e il trasferimento a Turi, il permesso per poter avere in cella il materiale necessario per scrivere gli verrà accordato solo nel febbrai 1929. La prima pagina del Quaderno I reca infatti la data e il programma di studio che verrà poi modificato in corso d'opera. Fra il novembre e il dicembre 1930 Gramsci redige un nuovo testo programmatico in apertura del Quaderno 8. Infine tra il febbraio e l'aprile 1932 nella fase di predisposizione dei primi quaderni speciali, Gramsci aggiunge al Quaderno 8 un elenco di dieci raggruppamenti di materia.

    chiudi

  • Documenti su Antonio Gramsci   1928 - 1937
    vai alla scheda Corrispondenza fra la Direzione del carcere di Turi e la questura di Roma in merito a richiesta di informazioni su Tatiana Schucht e sulle istanze presentate da G.; sono poi conservati documenti relativi alle pratiche per la cremazione e sepoltura svolte da Carlo G. e Tatiana Schucht.